vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Centro serre

Centro serre del Dipartimento

Presso la sede del Dipartimento di Scienze Agrarie, in viale Fanin, è operativo il Centro Serre, destinato ad attività sperimentali e didattiche.

La struttura ha una superficie di oltre 2000 mq suddivisa in 18 moduli dei quali 14 sono destinati alla coltivazione, 2 ai servizi e 2 a magazzini.

I 14 moduli destinati alla coltivazione sono suddivisi in 32 settori di varie dimensioni, assegnati in uso alle diverse Aree del Dipartimento mentre gli altri moduli sono suddivisi in settori comuni come l’ambiente per la preparazione e la sterilizzazione dei substrati, i magazzini, l’ufficio e il deposito antiparassitari.

Il controllo delle condizioni ambientali, nei settori destinati alla crescita e alla coltivazione delle piante, è affidato ad un sistema computerizzato in grado di gestire autonomamente e singolarmente in ogni settore il controllo dell’apertura delle finestre e del colmo, gli impianti per il riscaldamento e il raffreddamento dell’aria,il riscaldamento basale, gli schermi termiciper la coibentazione, i teli ombreggianti e le lampade per l’illuminazione artificiale integrativa.

 

L’attività presso il Centro Serre si sviluppa su:

  • Diagnosi, studi di popolazione, caratterizzazione funzionale e bio-molecolare di Batteri, Funghi, Fitoplasmi, Virus e Viroidi che infettano le principali colture agrarie. In particolare la ricerca viene condotta su cereali e altre colture industriali, fruttiferi, vite, actinidia, orticole, piccoli frutti e piante ornamentali.
  • Ricerche sperimentali sui mezzi e metodi di lotta contro le malattie infettive: moltiplicazione e conservazione dei patogeni, studio e caratterizzazione fitoiatrica di prodotti di sintesi e naturali e di microrganismi antagonisti.
  • Ricerche sperimentali in campo agronomico e genetico su specie ornamentali tropicali da interno, frutticole e selvicole. In particolare vengono svolte prove su substrati e fertilizzanti tradizionali e innovativi per la coltivazione in fuori suolo e in contenitore, su regolatori di crescita per la programmazione della fioritura e il contenimento della taglia delle piante, su tecniche innovative di propagazione e sull’impiego dell’illuminazione per il controllo della crescita e della fioritura di specie ornamentali da vaso.
  • Studi sulla fisiologia e sulla tolleranza a stress abiotici in cereali, colture ortive, ornamentali e arboree.
  • Selezione e mantenimento di incroci controllati per la produzione di popolazioni sperimentali favorendo l’accelerazione degli studi genetici grazie all’allevamento “fuori-stagione”
  • Studi a livello microbiologico del suolo e della rizosfera e dell’interazione microrganismo-pianta nell’apparato radicale su piante di interesse agrario al fine di ridurre l’uso di fertilizzanti chimici mediante l’utilizzo di microrganismi.
  • Allevamento di insetti su piante ospiti per lo studio delle relazioni tri-trofiche (pianta – fitofago – insetto utile) e creazione di micro-ambienti di supporto a specifici progetti di ricerca.