vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Ingegneria e Meccanica Agraria

Le attività dell'Area di Ingegneria e Meccanica Agraria nei settori delle Costruzioni rurali e territorio agroforestale e della Meccanica agraria e meccanizzazione agricola e forestale: analisi e progettazione degli edifici rurali, analisi e pianificazione territoriale e progettazione paesaggistica, analisi dei processi relativi alla meccanizzazione agricola e all’impiantistica agro-alimentare, analisi e sviluppo di sistemi energetici e agroindustriali.

L'area di Ingegneria e Meccanica Agraria svolge le proprie attività didattiche e di ricerca nei settori delle Costruzioni rurali e territorio agroforestale e della Meccanica agraria e meccanizzazione agricola e forestale. In particolare si occupa dell’edilizia in agricoltura, della progettazione di strutture, impianti tecnici e infrastrutture per il territorio agroforestale, dell’analisi, pianificazione e progettazione del territorio e del paesaggio rurale, della  meccanica agraria e della meccanizzazione agricola, delle macchine e impianti per i processi dei biosistemi agricoli e delle industrie agro-alimentari, della sensoristica, automazione e modellazione dei processi, della logistica delle filiere agricole, agro-alimentari e forestali; delle energie rinnovabili.

 Gli studi e le ricerche, condotti anche con caratteri di interdisciplinarietà, hanno l'obiettivo strategico di migliorare la competitività e la sostenibilità del comparto agricolo, attraverso l'innovazione ed l'ottimizzazione quantitativa e qualitativa dell’efficienza dei processi produttivi, la riduzione dei loro impatti ambientali e paesaggistici, la tutela e valorizzazione dei sistemi strutturali e infrastrutturali dell’ambiente rurale, contribuendo al contempo al soddisfacimento delle esigenze della comunità, in linea con le politiche nazionali ed internazionali.

Il settore contribuisce alla definizione, allo sviluppo ed alla implementazione di metodologie di progettazione, pianificazione, analisi, modellazione e monitoraggio,  applicati:

- alle costruzioni per l’agricoltura, la zootecnia, la conservazione e trasformazione dei prodotti agricoli, zootecnici e forestali;

- alla gestione e al trattamento dei reflui agricoli, zootecnici e agroindustriali;

- alle risorse territoriali, ambientali e del paesaggio agroforestale;

- al patrimonio edilizio rurale;

- alle infrastrutture per il verde, il territorio e la fruizione del paesaggio rurale;

- alla modellistica dei processi agricoli;

- alla meccanizzazione delle operazioni colturali e del post-raccolta;

- alle proprietà fisico-meccaniche dei prodotti ortofrutticoli;

- alla gestione delle fonti energetiche non convenzionali.

 

I settori specifici di approfondimento sono:

- progettazione di strutture ed infrastrutture per l’agricoltura, la zootecnia e l’agroindustria;

- aspetti progettuali, funzionali, tecnico-costruttivi, materici, impiantistici, energetici, ambientali, della sicurezza, relativi alle costruzioni rurali;

- efficienza energetica e fonti energetiche rinnovabili nei fabbricati e impianti per l’agricoltura e l'agroindustria;

- progettazione dell’edilizia rurale con criteri di compatibilità paesaggistica;

- studio e recupero dell’edilizia rurale storica;

- rilievo, rappresentazione, analisi e modellazione delle risorse naturali e antropiche del territorio rurale, anche con tecniche di precisione;

- analisi del sistema costruito e infrastrutturale del territorio periurbano e rurale, alla scala edilizia, insediativa e di area vasta, con tecniche inferenziali e sistemi ad alta efficienza;

- definizione di criteri, metodi e strumenti per la pianificazione urbanistica, territoriale e paesaggistica in ambiti extraurbani;

- analisi dell’impatto paesaggistico di strutture e infrastrutture nel territorio extraurbano;

- progettazione di aree a verde in ambiti urbani e extraurbani;

- valutazione ambientale di piani e interventi sul territorio;

- informatica applicata e modellistica dei processi agricoli;

- meccanizzazione di colture industriali;

- sviluppo e gestione di modelli GIS per la progettazione e pianificazione territoriale di filiere agricole e agro-alimentari;

- analisi del danneggiamento dei prodotti ortofrutticoli durante la raccolta meccanica e le operazioni post-raccolta;

- sviluppo e gestione di sistemi energetici da fonti rinnovabili.

 Il personale dell'area di Ingegneria e meccanica agraria è attivo prevalentemente nei Working Groups riconducibili al settore di interesse SE (Structures & Environment) della European Society of Agricultural Engineers (EurAgEng), nella sezione II (Farm Buildings, Equipment, Structures and Environment) della International Commission of Agricultural and Biosystem Engineering (CIGR) e nella sezione Agroenergia dell’Associazione Italiana Gestione Energia (AIGE).

 Linee di ricerca

 a) Costruzioni rurali

b) Recupero del patrimonio edilizio rurale di interesse storico

c) Analisi territoriale

d) Pianificazione territoriale e Progettazione paesaggistica

e) Meccanizzazione agricola

f) Macchine e impianti dell’industria alimentare

g) Energie rinnovabili

h) Agricoltura di precisione